[news] – Donne contro il Femminicidio #5: le parole che cambiano il mondo con Loriana Lucciarini | intervista su Oubliette Magazine

LEGGI TUTTA L’INTERVISTA QUI

Loriana Lucciarini ospite di Oubliette Magazine, intervistata da Emma Fenu per parlare di femminicidio, cultura e società | ECCONE UN BREVE ESTRATTO |

«Femmina»

Se escludo questa parola dal suo legame semantico e dal valore che la società attribuisce al termine e lo “ascolto” per come lo percepivo da piccola, esso ha per me una connotazione positiva. Racchiude tanto di buono – la natura, la bellezza, la forza, la protezione, l’indipendenza – legato a una sola immagine: la potente leonessa che vive in gruppi familiari, assieme ad altre leonesse, indomabile e fiera, indipendente, che basta a se stessa.

La  leonessa, forte, materna, coraggiosa e libera è per me l’emblema della femmina in natura.

Ma il termine femmina, riferito alle donne, si sporca e diventa sinonimo di altro, perde fierezza, passione e forza e s’incupisce, trasformandosi in gabbia. Perché la società mette cappi, catene. E femmina per le donne acquista valenza negativa, trasformando l’individuo in oggetto, terra di conquista, genere da predare e sottomettere, al quale togliere la libertà, la forte indipendenza, la dignità di essere sé.

Ecco perché, ormai da molti anni, vivo e percepisco questa parola in modo ambivalente: perché questo secondo significato, che arriva sempre dopo ma s’impone nella mia testa in modo violento, ha termini umilianti che si legano al primo annullandolo, arrivando a imporre solo il valore negativo, che mi ferisce e mi irrita. (…) | LEGGI TUTTO

[i miei scritti] – Le parole resistono. Le parole restano #‎SaveAshrafFayadh‬

 

images

– Le parole resistono. Le parole restano –
Non potete portarmi via le mie parole
sono idee,
poesie in versi
amore liberato e beato.
Speranza che s’appresta al compimento,
sogno di bimbo colorato.
Schiuma d’attesa che lambisce
la riva dell’immenso.
Un ponte magico
dalla mia anima agli occhi di chi legge.

Non potete portarmi via le mie parole
son forgiate con fuoco sacro,
il vento non le porta via, resistono
avvinte alla pietra, resistono
nel cuore di chi le ha conosciute, resistono.

Non potete condannare le mie parole
Non potete portarmele via…
(copyright Loriana Lucciarini)
‪#‎SaveAshrafFayadh‬

Questa poesia partecipa all’evento mondiale di oggi a sostegno e difesa del poeta palestinese Ashraf Fayadh. Scrivete i vostri versi con questo hastag #saveashraffayadh, verranno inseriti in un blog e diffuse in rete per dare voce alla nostra protesta. L’evento è questo https://www.facebook.com/events/1236668906350199/ ed è organizzato da LaRecherche.it

Questa poesia è linkata anche al sito dell’evento a questo link