[news] – Donne contro il Femminicidio #5: le parole che cambiano il mondo con Loriana Lucciarini | intervista su Oubliette Magazine

LEGGI TUTTA L’INTERVISTA QUI

Loriana Lucciarini ospite di Oubliette Magazine, intervistata da Emma Fenu per parlare di femminicidio, cultura e società | ECCONE UN BREVE ESTRATTO |

«Femmina»

Se escludo questa parola dal suo legame semantico e dal valore che la società attribuisce al termine e lo “ascolto” per come lo percepivo da piccola, esso ha per me una connotazione positiva. Racchiude tanto di buono – la natura, la bellezza, la forza, la protezione, l’indipendenza – legato a una sola immagine: la potente leonessa che vive in gruppi familiari, assieme ad altre leonesse, indomabile e fiera, indipendente, che basta a se stessa.

La  leonessa, forte, materna, coraggiosa e libera è per me l’emblema della femmina in natura.

Ma il termine femmina, riferito alle donne, si sporca e diventa sinonimo di altro, perde fierezza, passione e forza e s’incupisce, trasformandosi in gabbia. Perché la società mette cappi, catene. E femmina per le donne acquista valenza negativa, trasformando l’individuo in oggetto, terra di conquista, genere da predare e sottomettere, al quale togliere la libertà, la forte indipendenza, la dignità di essere sé.

Ecco perché, ormai da molti anni, vivo e percepisco questa parola in modo ambivalente: perché questo secondo significato, che arriva sempre dopo ma s’impone nella mia testa in modo violento, ha termini umilianti che si legano al primo annullandolo, arrivando a imporre solo il valore negativo, che mi ferisce e mi irrita. (…) | LEGGI TUTTO

[eventi] – #unlibroèunlibro

10670124_729053517179997_3880826299804077036_n10469417_730619793690036_356825376229159638_n

Scintille d’Anima e la propria autrice, Loriana Lucciarini, aderiscono alla campagna #unlibroèunlibro, lanciata sui social network, contro la differente tassazione di IVA tra e-book e cartaceo. Perché un libro è un libro, indipendentemente dal formato, dal contenuto, dalla diffusione. Perché una tassazione unificata e anche più bassa aiuterebbe la diffusione della cultura, della lettura, della scrittura, la crescita dell’editoria tutta. La cultura è patrimonio dell’umanità, il libro è lo strumento per la sua diffusione.

Ecco perché:

L’intero panorama editoriale italiano si impegna perché tutti i libri siano trattati in modo uguale indipendentemente dal loro formato.
È questo lo scopo della campagna “Un libro è un libro”, che chiamerà a raccolta tutto il mondo del libro: dagli autori ai lettori.

unlibroèunlibro

 

Scopri di più su questa campagna – qui