[eventi] – «Una felicità leggera leggera» sarà presentato alla Biblos a Monterosi, Viterbo | venerdì 24 novembre ore 17.30

Annunci

[eventi] – sabato 4 Petali Rossi sboccia in Molise | Vi aspetto a Campobasso per parlare di violenza di genere

«Il contrasto alla violenza in Molise»

11 novembre 16.30 Sala Consiliare Comune di Campobasso
evento cittadino organizzato dall’Auser

 

parteciperanno: Loriana Lucciarini (scrittrice), Emma Paola Marinelli (funzionaria regionale), i centri antiviolenza del Molise, Flavia Monceri (docente Unioml), Gianni Alfano (ispettore di PS), Giuditta Lembo (consigliera provinciale Pari Opportunità) – modera: Fabiana Abbazia, giornalista

All’interno del dibattito verrà presentato il volume «4 Petali Rossi, frammenti d storie spezzate» che tratta il tema della violenza di genere e sostiene con le vendite la casa delle donne nella Marsica. Sarà presente Loriana Lucciarini, autrice, ideatrice e curatrice dell’antologia pubblicata da Arpeggio Libero editore.

[eventi] – Loriana Lucciarini ospite a Italy Web Radio parlerà del suo ultimo romanzo e delle altre storie di carta e inchiostro

Sabato 4 novembre | ore 15:00 | diretta live

Le storie di carta e inchiostro di Loriana Lucciarini, su «Parole sul pentagramma», la trasmissione radiofonica condotta da Tiziana La Vitola su su Italy Web Radio

 

 

 

[eventi] – Domenica 22 ottobre: Loriana Lucciarini è a «Fuori dal coro» la kermesse letteraria di Roseto degli Abruzzi

21762313_719165638289218_23514840517710695_o

Loriana Lucciarini parteciperà alla kermesse editoriale e culturale FUORI DAL CORO, il 22 ottobre alle ore 17:00 per presentare i suoi romanzi nell’incontro letterario FRA EROS E AGAPE
Si parlerà di letteratura sentimentale e letteratura erotica con le autrici Loriana Lucciarini, Rita Angelelli e Emiliana De Vico.
«Il cielo d’Inghilterra», «Una felicità leggera leggera» «Le nuove confessioni di Eva» e «La dama e il leopardo» saranno i volumi presentati.

*** CHE COS’E’ FUORI DAL CORO? ***

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fuori dal coro è un cantiere di idee e progetti ed è, soprattutto, un work in progress, altrimenti non avrebbe avuto questo nome. Oggi si sono aggiunge altre due bravissime professioniste e ora possiamo dire (forse), che il programma è davvero completo e che parleremo di editoria a 360*. Inizieremo dall’incubo della pagina bianca e termineremo con l’incubo di dover parlare davanti a un pubblico attento e interessato ma anche no. Fra un incubo e l’altro parleremo di narrativa/immagini e architettura nell’incontro del 14 ottobre; di territorio/narrativa/turismo in quello del 21 ottobre; di editoria/fiere/diritto e fiscalità nell’incontro del 28 ottobre. In questa avventura ci accompagneranno coach, assistenti sociali, architetti, insegnanti di scrittura creativa, scrittori, Presidenti di Associazioni che rappresentano i Bed &Breakfast abruzzesi, scrittrici, fotografi di fama nazionale, pittori, esperti di storia locale, dottori commercialisti, editori e aspiranti scrittori che hanno partecipato al concorso “Sinossi fuori dal coro” e, udite udite, una coach esperta in public speaking. Il tutto condito da presentazioni letterarie (per bambini, per tutti, per adulti), nei seguenti giorni: 8-15-22 ottobre 2017. Il luogo? Roseto degli Abruzzi – Palazzo del Mare. Gli orari? Variano in base all’evento, ma noi ve li ricorderemo di volta in volta. Infine vi presenteremo la nuova antologia solidale edita da Elle Emme. Naturalmente si chiamerà Fuori dal coro, ma solo in quei giorni vi sveleremo a chi sarà dedicata. Una serie di appuntamenti difficilmente replicabili nello stesso modo e con gli stessi protagonisti. Manchi solo tu.

 

[news] – Loriana Lucciarini ospite sabato 14 ottobre dalle ore 13:00 su White Radio

Sabato, all’ora di pranzo, collegatevi su White Radio www.whiteradio.it e ascoltate l’intervista che Mirko Bassi mi farà nel suo programma “Mai contro cuore”, dove sarò ospite per parlare del mio ultimo romanzo «Una felicità leggera leggera» edizione Le Mezzelane.
Grazie al curatore e collaboratore di White Radio, Davide Rocco Colacrai per avermi coinvolto in questa bella e interessante trasmissione.

evento facebook

Il podcast della trasmissione da riascoltare è qui, selezionate la puntata del 14.10.2017

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Le poesie di Loriana Lucciarini a Centomila poeti per il cambiamento Monterosi 2017

Bellissima serata di musica e poesia, emozioni e versi!

Grazie a Biblos Monterosi per l’organizzazione dell’evento, grazie al Quartetto Santa Cecilia per l’accompagnamento musicale, magistrale. Grazie alla verve e al sorriso di Alessia Francescangeli, che ha incantato tutti.

Grazie al talento di Riccardo Giacomini che ha saputo infondere nei reading le emozioni presenti nei nostri versi per farle arrivare a tutto il pubblico presente.

Grazie agli ospiti d’onore… che hanno portato versi di alta poesia

Matteo Cotugno e la sua attività poetica con le tante antologie di cui è curatore e i poeti che ha portato a questa edizione del Centomila poeti per il cambiamento, che hanno portato i loro versi e la loro presenza fisica, per aggiungere altre voci a questa manifestazione corale e mondiale: Rosalba Di Vona, Silvana Cenciarelli Nadia Pascucci Italo Zingoni.

Grazie a Gabriele Furiosi, l’altro ospite della serata, per il suo talento poetico e la partecipazione: il suo carisma ha incantato la sala.

Grazie all’attore e doppiatore Stefano De Sando che ha fatto davvero vibrare i nostri cuori, declamando poesie di autori del Decadentismo italiano in modo straordinario, grazie per le piccole perle che ci ha donato!

Grazie alle poetesse e ai poeti che hanno condiviso con me il percorso letterario, partecipando a questa edizione, pur se lontani: Giusy Del Vento Marzio Pellegrini e a chi invece, con me invee c’era: Marta Tempra e Barbara Eramo.

Grazie al Comune di Monterosi per il patrocinio e il sostegno a questa bella iniziativa.

Grazie al pubblico presente, che è sempre più numeroso.

Un ringraziamento a Edoardo Giacomini, il presidente della Biblos Monterosi, che ha saputo costruire un team professionale e artistico di tutto rispetto e che ha accolto il mio invito a creare un evento anche a Monterosi.

Grazie per la fiducia, per avermi dato il compito di selezionare – come lo scorso anno – i versi e i poeti da presentare al pubblico. Sono fiera e orgogliosa del contributo dato a questa edizione 2017.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Personalmente ho contribuito al #100tpc2017 organizzando anche evento web, sul mio blog ( qui )

Questo slideshow richiede JavaScript.

51oZofMTjdL._SY346_Inoltre, ho coinvolto anche il webmagazine de Gli Scrittori della Porta Accanto che ha realizzato un’antologia di versi contemporanei «Chiaroscuro» in cui sono inserita anche io oltre a Stefania Mwende Bergo, Ilaria Biondi Valentina Gerini Francesca Gnemmi Leo Tam Renata Morbidelli Silvia Pattarini Liliana Omegna Samantha Terrasi UomoinViaggio Emanuele Zanardini e Vincenzo Mirra ( qui il link per acquistarla )

 

CENTOMILA POETI PER IL CAMBIAMENTO – 100 THOUSAND POETS FOR CHANGE #100tpc #100tpcMonterosi SI E’ UNITO ASSIEME AD ALTRI MILLE EVENTI , IN TUTTO IL MONDO PER UN MESSAGIO DI PACE, DI SPERANZA, DI AMORE, PERCHE’ – DAVVERO – LA POESIA CAMBIA IL MONDO.

vi aspettiamo alla prossima edizione 2018!

Loriana Lucciarini

[p.s. foto “scippate” a Luca Marino e Matteo Cotugno, visto che il mio cellulare mi ha tradita proprio a inizio evento, spegnendosi per tutta la serata!]

[premi] – Premio Città dei Papi: premiata Loriana Lucciarini con onoreficenza al merito!

Nella suggestiva location all’interno del quartiere medievale di San Pellegrino, nel Palazzo dei Papi, a Viterbo, si è svolta la cerimonia di premiazione del Premio Città dei Papi, organizzato dal Caffé Letterario di Viterbo, con il patrocinio della città.

Qui, Loriana Lucciarini è stata premiata con onoreficenza al merito per il proprio contributo in ambito culturale e letterario, svolto con 4 PETALI ROSSI, FRAMMENTI DI STORIE SPEZZATE, il volume di Arpeggio Libero contro la violenza sulle donne che sostiene la Casa delle donne nella Marsica di BeFree.

Una gran bella soddisfazione!


tratto dall’articolo di TusciaWeb

Viterbo – “La prima edizione del premio Città dei Papi organizzata dal Caffè Letterario di Viterbo è terminata: un grazie di cuore a tutti i soci che hanno contribuito a rendere reale un sogno che sembrava impossibile”. Queste le parole di chiusura di Ettore Cristiani, presidente dell’associazione Caffè Letterario di Viterbo e patron della prima edizione del premio Città dei Papi, terminata sabato 8 aprile nella prestigiosa sede della sala Alessandro IV di Palazzo dei Papi, a Viterbo. Una due giorni in cui, nella mattina del 7 aprile, si sono alternati incontri riservati agli studenti con temi di interesse giovanile, con l’associazione nazionale di Giornalismo Scolastico e Luca Zoncheddu, educatore professionale Asl Viterbo.

Nel pomeriggio il giornalista Federico Usai ha presentato l’assegnazione delle Onorificenze di Merito a chi si è maggiormente distinto nell’ambito letterario, artistico, ambientale, turistico, fotografico, finanziario e culturale: Stefano Lecchini, Marta Tempra, Piero Mannuccia, Priscilla Murli, Rosanna Papalini, Carlo Panza, Michele Furci, Federica Marchetti, Luciano Dottarelli, Micaela Marziantonio, Luca Salvatelli, Armando Tortora, Loriana Lucciarini, Maria Grazia Fontana, Alessandro Maurizi e Mario Di Sorte, Giovanni Zanobi, Franco Giuliani, Dora Addeo. L’allegria dei canti e dei balli della Compagnia delle Lavandaie, presentate dal professore prof. Rino Galli, sono stati un simpatico e colorato intermezzo del pomeriggio di venerdì.

Sabato mattina, 8 aprile, Mariella Zadro, Formatrice Irsae Lazio, ha tenuto un incontro sul tema “Metti il bullo…nella rete” mentre Lazzaro Pappagallo, segretario dell’Associazione Stampa Romana, ha parlato dell’informazione 2.0. Nel pomeriggio di sabato Sabrina Mechella, giornalista ambientale, ha moderato gli incontri tenuti da Vincenzo Ferrara, scienziato e climatologo dell’Enea, sul tema “Come cambia il clima e il gusto del cibo”, il “laboratorio del gusto: cosa c’è nel piatto”: con Claudia Storcè, presidente Slow Food Viterbo e “Aspetti nutrizionali di una corretta alimentazione”, a cura della professoressa Annamaria Garzillo.

A chiusura della kermesse l’assegnazione dei cinque premi “Città dei Papi” a coloro che hanno contribuito alla promozione del territorio della Tuscia. Don Luigi Fabbri consegnato una statuetta raffigurante il gatto nero, simbolo del Caffè Letterario, a Francesco Bigiotti, sindaco di Bagnoregio: “Mi è stato consegnato il “Premio Città dei Papi” per l’eccellenza amministrativa. Pur consapevole della troppa generosità nei miei confronti, non posso che essere orgoglioso, a nome della mia città, di questo prestigioso riconoscimento” ha commentato il primo cittadino. E’ stata poi la volta dell’associazione “Le chicche della Tuscia”, premiata da Claudia Storcè e di Giovanni Zanobi, presidente di Harley Davidson Club di Viterbo, accompagnato da un nutrito gruppo di bikers che hanno riempito con le loro bellissime due ruote piazza san Lorenzo, premiato dallo scrittore Alessandro Maurizi.

L’assessore comunale Antonio Delli Iaconi ha assegnato la statuetta alla preside del Liceo artistico Orioli di Viterbo, Simonetta Pachella: “Ragazzi speciali che hanno lavorato con passione, supportati dal designer Luca Occhialini, per realizzare le sculture in polistirolo che avete visto in piazza San Lorenzo e qui nella sala, oltre alle statuette dei premi» ha sottolineato la preside. Andrea Baffo e Filippo Rossi, rispettivamente presidente e direttore artistico di Fondazione Caffeina Cultura, hanno chiuso la serata, ritirando il premio da Ettore Cristiani per il successo conseguito dalla manifestazione Caffeina Christmas Village: “Siamo grati del riconoscimento – hanno affermato i premiati – e, agganciandoci a quanto detto dal sindaco Bigiotti, siamo convinti che ci vuole impegno per dare vita e slancio alle città. Perché la bellezza da sola non basta, ci vuole passione, bisogna rischiare e avere anche un po’ di follia quanto basta per credere in un sogno”.

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rassenga Stampa [ne parlano qui]

TusciaWeb

La Fune.EU

OnTuscia

Ewwa

ViterboPost.it

NewTuscia

ReteLuna

TusciaWeb

 

http://www.tusciaweb.eu/2017/04/premio-citta-dei-papi-chiusa-la-edizione/

http://www.tusciaweb.eu/2017/04/consegnati-riconoscimenti-del-premio-citta-dei-papi/

http://www.lafune.eu/premio-citta-dei-papi-un-riconoscimento-per-i-migliori-del-territorio/

https://www.ontuscia.it/societa/arrivo-la-edizione-del-premio-citta-dei-papi-la-cultura-239520

http://ewwa.org/premio-citta-dei-papi-viterbo-premio-a-loriana-lucciarini-per-4-petali-rossi/

http://www.viterbopost.it/2017/04/conclusa-la-prima-edizione-del-premio-citta-dei-papi/

http://www.newtuscia.it/2017/04/10/chiusa-la-edizione-del-premio-citta-dei-papi-caffeina-civita-bagnoregio-virtuosi-della-tuscia/

http://viterbo.reteluna.it/it/bagnoregio-e-caffeina-tra-i-virtuosi-della-tuscia-ApKtQ.html

[becoming writer] – Non si finisce mai di imparare: al workshop Ewwa “Indagini sul giallo”

Eh già! Non si finisce mai di imparare, anche nell’arte narrativa. La tecnica, infatti, va sempre affinata con nuove conoscenze utili ad acquisire elementi per migliorare.

Così ho approfittato del seminario organizzato dalla Ewwa (European Writing Women Association) sabato 11 marzo a Roma che, come annunciava il titolo (“Indagini sul giallo”) avrebbe dato nozioni per la costruzione di un romanzo di intrighi e ricerche investigative; seminario questo a scoprire molte cose interessanti!

Il workhop è stato un susseguirsi di contributi importanti per tutta la giornata di sabato, con i lavori suddivisi in due moduli. La mattina si è tenuto l’incontro con vari relatori. Il pomeriggio, invece, il vero e proprio laboratorio di scrittura. La location è stata la sala convegni delle Edizioni Martina (via Agrigento, 1 – Roma).

Ma andiamo per gradi…

«Non esiste delitto perfetto, esistono indagini mal fatte.»

L’approfondimento della mattina “Criminologia, la parola agli esperti” ha visto la partecipazione di figure di spicco legate al mondo giuridico, investigativo e scientifico e l’ottima moderazione di Luigina Sgarro (psicologa) che, con le sue domande dettagliate e puntuali, ha stimolato la discussione e gli interventi.

La psicologia per indagare la mente criminale

Anna Maria Anselmi è avvocata e criminologa, una delle prime in Italia. Ha seguito numerosi casi, tra i tanti quello del rapimento del piccolo Farouk. Con lei abbiamo avuto elementi informativi circa il lavoro di ricostruzione della mente criminale, dei suoi contorti meccanismi, nonché un’approfondita disamina sulle teorie dello sviluppo della personalità criminale, che – a quanto pare – riprendono le teorie un po’ accantonate di Cesare Lombroso per rinnovare l’annosa questione del: criminale si nasce o ci si diventa per cause culturali, sociali, ambientali, casuali?

«Il criminologo cerca di entrare nella testa del reo per capire perché lo fa, Entra nei ragionamenti del criminale scevro da giudizi, con atteggiamento neutro, non giudicante.» (A. M. Anselmi)

«Appena istituito il corso di criminologia, in Italia nel 1990, neanche si sapeva bene quali competenze avesse un criminologo; per anni non è esistito neanche l’albo. Ora la professione si è affermata ed è universalmente riconosciuta.» (A. M. Anselmi)

La scienza per rilevare indizi

Con Rossana Cecchi (dirigente medicina legale di Parma, anatomopatologa), abbiamo scoperto tecniche di rilevazione scientifica ma anche le profonde motivazioni per svolgere un lavoro delicato e importante come quello dell’anatomopatologo.

«La scena del crimine “parla” ed è il primo passo per comprendere ciò che è accaduto al cadavere. E se il sopralluogo parla sta all’anatomopatologo osservare, analizzare, ascoltare la scena del crimine.» (R. Cecchi)

«I delitti che diventano casi mediatici a causa del continuo cambio di indirizzo delle indagini, avvengono in provincia (Cogne, Garlasco, Perugia, Avetrana), con corpi di polizia non attrezzati né esperti che compiono errori di rilevazione degli indizi e, quindi, aumentano la confusione e le difficoltà investigative.» (A. Cecchi)

«Il patologo forense ha empatia verso la vittima, quando era viva e scientificità nell’approccio con il cadavere per coglierne le risposte e gli indizi che porta con sé.» (A. Cecchi)

Le indagini, i fatti, la cronaca, la realtà e il romanzo 

Grazie ad Antonio Del Greco e a Massimo Lugli. Il primo ex dirigente Italpol, ha collaborato con gli Usa, si è occupato di indagini importanti della cronaca romana ed è stato anche consulente per fiction tv, come La Squadra e Distretto di polizia. Il secondo invece è stato giornalista de La Repubblica. Ora, i due assieme, formano la coppia narrativa del volume Città a mano armata, pubblicato dalla NewtonCompton. Ascoltando i loro interventi e gli episodi di vita reale, ci siamo potute calate nelle atmosfere investigative dei più eclatanti e efferati fatti di cronaca della malavita romana, quando Del Greco era alla Omicidi della squadra mobile di Roma e Lugli si occupava di cronaca.

«La riforma della pubblica sicurezza, datata 1981, segna la linea di demarcazione tra le indagini “in bianco e nero” e quelle “a colori”: grazie alle nuove tecnologie e strumentazioni utilizzate nelle investigazioni (intercettazioni telefoniche, ambientali, esame del Dna, luminol eccetera) si è radicalmente cambiato modo di fare ricerche e di indagare.» (Antonio Del Greco)

«In un romanzo o in una fiction investigativa non è necessario legarsi alla realtà oggettiva, a volte la narrazione può essere attinente alla realtà: plausibile, ecco. Come a dire “potrebbe essere andata così”» (Massimo Lugli)

«L’attività principale del poliziotto è fatta di indagini d’ufficio, approfondimenti, ricerca di prove: tanta carta & documentazione per poi concludersi con l’arresto (in modo spettacolare o meno, meno è spettacolare più risulta riuscita l’operazione: se si arriva a sparare è un’operazione svolta male).» (Antonio Del Greco)

«Quello che attira nei casi più eclatanti di cronaca è il male che si scatena nella normalità. Tutti i casi più seguiti sono quelli dove sono coinvolte persone normali (non serial killer): è proprio la normalità che fa venire tanti dubbi, paure. È proprio quella che sconvolge.» (Massimo Lugli)



Una breve pausa presso il vicino ristorante ha permesso alle Ewwe di conoscersi per la prima volta o ritrovarsi dopo tanto tempo.

Le partecipanti, arrivate anche dalle regioni limitrofe, hanno formato un gruppo numeroso e chiacchierone, intento a parlare dei nuovi singoli progetti professionali, analizzare trame e idee, affrontare argomenti legati al mondo editoriale o intessere uno scambio di informazioni personali e lavorative… un fermento creativo che neanche il pranzo è riuscito a placare! 😀

Le tecniche narrative della storia di detection, noir, thriller, giallo

Un caffé veloce e… poi sono ripartiti i lavori del seminario e questa volta ad aspettarci c’era Augusto Q. Bruni, script analyst, personaggio carismatico e affascinante, che ci ha spalancato le porte sulle diverse tecniche narrative (letterarie e cinematografiche) di un romanzo di detection. Più di quattro ore di full immersion, che ci ha fornito strumenti importantissimi per arricchire la nostra cassetta degli attrezzi* di scrittrici. Molte delle autrici presenti hanno avuto input creativi per trame noir o investigative, altre hanno fatto esperienza di accrescimento professionale.

Grazie alla rete Ewwa per offrire alle proprie iscritte workshop altamente qualificati di questo tipo, che sono un’ottima risorsa per chi vuole fare della scrittura il proprio modo per comunicare.

Loriana Lucciarini

Questo slideshow richiede JavaScript.


Vuoi leggere altro sul workshop Ewwa? Ecco qui l’articolo di Tiziana Zita su Cronache Letterarie – qui

*La Cassetta degli attrezzi (composta dagli appunti di Loriana Lucciarini presi durante i lavori del workshop) sarà pubblicata nei prossimi giorni – APRILA QUI!

Vuoi maggiori informazion su EWWA? clicca qui!

 

[news] – Loriana Lucciarini fra i candidati alla Prima edizione del Premio letterario “Città dei Papi” | Viterbo 6-9 aprile 2017

Il Premio Città dei Papi è una menzione di merito per le eccellenze di tutta la provincia che hanno dato lustro alla Tuscia promuovendo il territorio in tutti gli ambiti: dalla cultura all’arte, dall’artigianato all’intrattenimento, dall’enogastronomia all’ambiente.

Organizzato e promosso dal Caffé Letterario di Viterbo, con il patrocinio del Comune di Viterbo e l’Associazione nazionale giornalismo scolastico,

si terrà nelle giornate del 7, 8 e 9 aprile 2017 a Viterbo

Fra i candidati ci sono anche io! 😀

Seguitemi in questa emozionante avventura! 😀

Seguite il Premio anche su facebook a questo link

Programma (tratto dal sito del Caffé Letterario)

Giovedì 6 – ore 18 Inaugurazione Festival (ingresso riservato solo agli iscritti del Caffé Letterario)

Venerdì 7 – ore 9.30 Educational con studenti Viterbesi | ore 16 Presentazioni migliori eventi svoltisi al Caffé Letterario (ingresso libero) | ore 19 spettacolo (ingresso libero)

Sabato 8 – ore 9.30 Educational con studenti Viterbesi | ore 16 Presentazioni migliori eventi svoltisi al Caffé Letterario (ingresso libero) | ore 19 incontro con il Vicedirettore del TG1 (ingresso libero)

Domenica 9 – ore 9.30 Tavola rotonda associazioni-amministrazioni locali (ingresso libero) | ore 17 Consegna dei Premi Città dei Papi (ingresso libero) | ore 19 Estrazione lotteria (ingresso libero)