Violenza di gruppo: assurde le dichiarazioni del Sindaco di Pimonte, aperta petizione on line per richiederne le dimissioni

Lo stupro della quindicenne? Una “bambinata”, una cosa ormai passata…

images«Come la vogliamo definire? Una bambinata… È successo, è un fatto isolato, sono tutti minori e dai minori che cosa ti puoi aspettare? È successo, ormai è passato». Così, a l’Aria che tira del 3 luglio, Michele Palummo, sindaco di Pimonte, parla dello stupro di gruppo avvenuto mesi fa nel comune del Napoletano nei confronti di una ragazzina di 15 anni la cui famiglia ha deciso di lasciare l’Italia. Parole che hanno provocato polemiche, arrivando tutti a chiedere le sue dimissioni. [dall’articolo del Corriere del Mezzogiono, qui per leggere tutto]

Ecco, mi sono indignata. E tanto. Così tanto, che ho deciso di aprire una petizione on line che vi chiedo di firmare, per richiedere le dimissioni del Sindaco, Michele Palummo!

FIRMATE ANCHE VOI LA PETIZIONE ON LINE – QUI

 

Ma ho fatto anche di più. Ho scritto direttamente al Sindaco.

Ho scritto una lettera – che è poi la stessa usata per la petizione. Perché, come scrivo nella missiva,

«chi liquida un reato sessuale ai danni di una minorenne come un gioco tra bambini è indegno, soprattutto se ricopre un ruolo istituzionale come quello di Sindaco.
Le scuse tardive e inefficaci non alleggeriscono il peso di quanto affermato davanti alle telecamere, dimostrando una volta di più l’incapacità di rappresentare tale carica. Le dichiarazioni, del resto, sono solo la punta dell’iceberg di una vicenda delicata e dalle connotazioni psicologiche devastanti per la vittima. Una vicenda che è stata gestita con insensibilità e incapacità dal Sindaco e dall’amministrazione comunale di Pimonte, tanto da riuscire a isolare socialmente la vittima, giudicandola e colpevolizzandola dai membri dell’intero paese con il solo risultato di obbligarla a trasferirsi con la sua famiglia altrove, per evitare ulteriore pena.»

FIRMATE ANCHE VOI LA PETIZIONE ON LINE – QUI

 

TESTO DELLA LETTERA INVIATA AL SINDACO

AL SINDACO DEL COMUNE DI PIMONTE (NA), Michele Palummo

Scrivo indignata questa email diretta al Sindaco del Comune di Pimonte, Michele Palummo, in merito alle deliranti dichiarazioni rispetto allo stupro perpetrato da un branco di ragazzini, suoi concittadini, nei confronti di una ragazza di soli 15 anni.
Le assurde dichiarazioni, rilasciate durante la trasmissione “L’aria che tira” del 3 luglio, mi feriscono come cittadina, donna, persona.
Minimizzare la violenza di gruppo, composto da 12 persone che hanno usato il branco come forza contro la vittima, definendola una “bambinata ormai passata”, quasi alla stregua di un capriccio di bimbi o di una qualche perdonabile marachella, è intollerabile e assurdo. Tali dichiarazioni dimostrano che c’è davvero tanto (troppo!) lavoro da fare per abbattere la mentalità sessista e retrograda di questo Paese, se addirittura un Sindaco – il rappresentante dei cittadini e delle Istituzioni locali – si permette di commentare in questo modo una vicenda grave che indigna l’Italia intera e ferisce ogni donna.
Chi liquida un reato sessuale ai danni di una minorenne come un gioco tra bambini è indegno, soprattutto se ricopre un ruolo istituzionale come quello di Sindaco.
Le scuse tardive e inefficaci non alleggeriscono il peso di quanto affermato davanti alle telecamere, dimostrando una volta di più l’incapacità di rappresentare tale carica. Le dichiarazioni, del resto, sono solo la punta dell’iceberg di una vicenda delicata e dalle connotazioni psicologiche devastanti per la vittima. Una vicenda che è stata gestita con insensibilità e incapacità dal Sindaco e dall’amministrazione comunale di Pimonte, tanto da riuscire a isolare socialmente la vittima, giudicandola e colpevolizzandola dai membri dell’intero paese con il solo risultato di obbligarla a trasferirsi con la sua famiglia altrove, per evitare ulteriore pena.
Ferite, queste, che potevano esserle risparmiate e che, invece, aggiungono dolore ad altro dolore.
Mi associo alle parole della parlamentare Celeste Costantino e dell’associazione Frida Khalo Pari Opportunità: «Dalla condanna in poi la comunità, anziché stringersi intorno a lei, l’ha stigmatizzata ed esclusa socialmente per un danno che lei ha subito e non perpetrato, come ha avuto modo di constatare il garante per l’infanzia e l’adolescenza della Campania, Cesare Romano. E’ sempre così: laddove una donna, in questo caso una bambina, denuncia una violenza sessuale, è lei a pagarne le conseguenze non solo per lo stupro subito, ma per l’additamento collettivo, come se fosse andata a cercarsela. Fin quando le istituzioni, come nel caso del sindaco di Pimonte, liquideranno la violenza sulle donne come una ragazzata, e gli adolescenti del nostro paese non affronteranno un percorso di educazione sentimentale condiviso tra famiglia e scuola, non possiamo che aspettarci che la storia si ripeta».
Per tutte queste ragioni, come cittadina italiana e soprattutto come donna, ne chiedo le immediate dimissioni e l’immediata rimozione dall’incarico.

In fede,
Loriana Lucciarini

(donna, cittadina italiana, scrittrice, attivista per i diritti delle donne)

Roma, 6 luglio 2017

FIRMATE ANCHE VOI LA PETIZIONE ON LINE – QUI

Annunci

5 thoughts on “Violenza di gruppo: assurde le dichiarazioni del Sindaco di Pimonte, aperta petizione on line per richiederne le dimissioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...