[interviste] – Mille domande su Chiacchiere e distintivo! | Roberto Bonfanti intervista Loriana Lucciarini

capture-20161220-190142

Ringrazio Roberto Bonfanti per la bella intervista e le mille domande, articolate e complesse, grazie alle quali mi ha fatto conoscere ai lettori del suo bel blog. ❤

Mi sono trovata bene per parlare di me, del mondo di sogni e inchiostro, di poesie e nuovi progetti… a presto! 😀

Loriana

Come ti sei avvicinata alla scrittura e da quanto tempo pratichi questa passione?
Scrivo da sempre ma in primis sono una lettrice. La lettura infatti è stato il fulcro di tutto: da bambina amavo riscrivere i finali dei romanzi che mi erano piaciuti. Per alcuni anni la scrittura è stata complementare alla passione del disegno, contribuendo a realizzare le sceneggiature dei miei fumetti; poi però è diventata l’attività preponderante. Eppure è solo negli ultimi anni (dal 2013) che ho iniziato a rendere pubblici i miei scritti; prima questi erano il mio mondo segreto inviolabile, ma con la morte di mio padre, che se n’è andato senza aver letto nulla di mio, ho preso la decisione che i sogni vanno realizzati – se ci si crede e si vuole davvero – a costo di rischiare: rischiare di non piacere, non essere letta, essere rifiutata, sentirsi “svelata”. Ecco, la cosa più difficile è stata proprio permettere agli altri di “scovarmi” tra le righe dei miei romanzi e delle mie poesie. È stato un percorso complicato ma, alla fine, anche questo scoglio è stato superato…
 Ci sono autori o libri ai quali ti senti  particolarmente legata, magari che ti hanno ispirata nella tua attività di scrittrice?
Leggo di tutto, ogni genere senza preclusione (a parte il pulp e l’erotico alla 50 sfumature) e ogni libro mi lascia qualcosa, in positivo e in negativo; per questo è complicato per me citare solo alcuni autori. Diciamo che per la poesia mi ispiro alla capacità di introspezione e all’astrazione di maestri quali: Alda Merini, Hickmet, Gibran, Ungaretti.
Per la prosa, invece, ammiro la capacità di Erri De Luca, di riuscire a trasformare frasi in scintille di pura poesia; così come amo la fluidità e l’immediatezza di Zafon (della produzione legata a “L’ombra del vento”). Ricerco la stessa introspezione arguta e precisa dei moti d’anima che ha David Grossmann, così come adoro la leggerezza sagace della mia adorata zia Jane (Jane Austen, ndr).
Annunci

2 thoughts on “[interviste] – Mille domande su Chiacchiere e distintivo! | Roberto Bonfanti intervista Loriana Lucciarini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...